Cynegi Network
Pedagogisti:COUSINET

Pedagogisti: COUSINET

HOME PAGE QUESTIONI DI PSICOLOGIA TUTTI I FILOSOFI PEDAGOGISTI DIDATTICA SCUOLA

 

Cousinet  Roger. - Pedagogista francese (Arcueil 1881 - Parigi 1973). Dapprima maestro poi ispettore scolastico.

Il pensiero di Cousinet si basa su una pedagogia   attiva .Nella sua concezione educazione corrisponde ad attività infantile e la didattica, di conseguenza, é l’organizzazione delle attività giovanili.

Per Cousinet l’educazione nuova non si limita all’applicazione di nuovi metodi ma dev’essere un spirito per l’educatore e un modo di vita per i ragazzi.

Questo spirito può essere sintetizzato nel rispetto del ragazzo e nel permettergli di soddisfare i suoi bisogni naturali.

I bisogni naturali variano a dipendenza dell’età e nascono dalla rottura di un equilibrio interno a seguito di uno stimolo (che può essere interno, di maturazione o esterno, dell’ambiente).

Diversi sono i bisogni artificiali, indotti da ogni azione diretta dell’educatore sul ragazzo.

Compito del maestro è creare un ambiente dove il ragazzo possa soddisfare i suoi bisogni naturali e nel contempo non introdurre dei bisogni fittizi, che possono essere anche controproducenti.

L’ambiente nutritivo consiste nel fornire ai ragazzi materiali, strumenti, attrezzature e metodi. L’aula diventa sala di lavoro e il maestro stesso diventa anche strumento di ricerca.

Le materie d’insegnamento non sono il fine dell’educazione ma diventano strumentali al fine che è il soddisfacimento del bisogno naturale.

Cousinet è conosciuto per il suo metodo di lavoro per gruppi spontanei, che si basa sulla formazione di gruppi liberi in vista dell’esecuzione in comune di un determinato compito, in cui ognuno dà il suo contributo a seconda delle sue capacità

Cousinet valorizza la socialità infantile che nasce con l’incontro con l’altro (inteso con l’incontro come qualcuno come lui ,che non è lì solo per soddisfare i suoi bisogni), evolve in pre-socialità (periodo dei giochi sociali) e arriva alla socialità infantile vera e propria (tra i 9 e i 12 anni, che l’autore definisce “l’età di grazia”) che si esplica e matura attraverso un’attività sociale impegnata.

 

DAL WEB 

 


Classifica di siti - Iscrivete il vostro!